Pace, diritti umani, uguaglianza, democrazia, solidarietà, dignità, libertà, giustizia, fraternità,… sono sotto attacco in tante parti del mondo.

La negazione di questi valori universali ha causato e continua a causare enormi sofferenze a tanta parte dell’umanità.

Per questo abbiamo bisogno di unirci e difendere i valori che ci sono più cari.

Dopo due guerre mondiali, lo scoppio della bomba atomica e settanta milioni di morti, questi valori hanno spinto molte persone a scriverli nelle Carte fondamentali dell’umanità e ad impegnarsi per darci una vita migliore.

Grazie a loro, noi siamo cresciuti in un clima di libertà e benessere.

Oggi tocca a ciascuno di noi!

Dal 24 febbraio, la guerra in Ucraina avanza facendo strage di vite innocenti, riducendo le città in cimiteri, minacciando la guerra mondiale e la catastrofe atomica. Per questo diciamo che va fermata!

Ogni giorno che passa, lo scontro s’innalza e la guerra diventa più disumana e cieca distruggendo ogni residuo spazio di pace. Per questo ripetiamo che va fermata subito!!!

Insieme con Papa Francesco, diciamo tutti, ma proprio tutti:

Fermatevi! La guerra è una follia.

Sostieni la rete della Perugiassisi
nell’organizzazione
di questa STRAORDINARIA
Marcia della Pace e della Fraternità

Moltiplichiamo le iniziative di pace e domenica 24 aprile, vigilia della Festa della Liberazione, partecipa alla Marcia straordinaria PerugiAssisi della pace e della fraternità.

Nessuno si rassegni alla guerra e alla corsa al riarmo! Nessuno si pieghi alle leggi della violenza. Nessuno ceda alla logica amico-nemico. Risolviamo i problemi che non abbiamo ancora voluto affrontare nel rispetto del diritto internazionale. Basta con la propaganda di guerra! Fermiamo la circolazione dell’odio e dell’inimicizia. Facciamo pace. Prendiamoci cura delle vite degli altri, sempre, comunque e dovunque senza distinzioni di alcun genere.

 

Da 60 anni in cammino per la pace e la fraternità
Nel 2021 la Marcia PerugiAssisi ha compiuto 60 anni. Una lunga storia di pace. Anzi d’impegno per la pace e i diritti umani. Una storia fatta di centinaia di migliaia di donne e uomini di tante generazioni e di ogni età.
Testimonianze

È importante che ci sia un’opinione pubblica che manifesta le sue angosce, i suoi timori, la sua volontà. Io penso che si tratti di un movimento serio, che va preso sul serio perché parla di cose serie.

Scritto da Norberto Bobbio

Vogliamo fare del 1981 un anno di grande impegno civile della società umbra su temi trattati dalla marcia, come il sottosviluppo, la miseria dell’umanità, la ripresa della corsa al riarmo, sinonimo di guerra. La pace è condizione indispensabile per la piena valorizzazione della personalità umana.

Scritto da Germano Marri

Credo fermamente che una mobilitazione dell’opinione pubblica possa salvare la pace e condurre ad un processo di disarmo. È per questo che tutte le manifestazioni in favore della pace diventano necessarie e acquistano un grande valore

Scritto da Olaf Palme

C’è chi pensa a sé e si costruisce il rifugio antiatomico e fa scorta di viveri. E c’è chi lotta per impedire la scomparsa non solo dell’uomo, non solo di tutti gli uomini, ma anche del loro passaggio sulla terra

Scritto da Evgeni Evtushenko

Manifestazioni come la Marcia Perugia-Assisi hanno un'importanza eccezionale perché è fondamentale che si creino contatti non solo a livello di vertice, ma anche di popolo e lavoratore assieme attorno al problema della pace

Scritto da Mary Kaldor

Fu una delle prime grandi manifestazioni a cui partecipai e mi dette quella spinta in più a scegliere l'obiezione di coscienza al servizio militare obbligatorio.

Scritto da Giuseppe Nuovo

Una magnifica giornata di sentimenti forti e condivisi. Sotto un sole incerto e poi sotto la pioggia percorriamo quei tanti chilometri ancora con la convinzione che quella mobilitazione possa condizionare le forze politiche e le istituzioni nelle scelte da fare per la pace ed i diritti umani .

Scritto da Silvana Amati

Cura è il nuovo nome della pace
Sarà pace se ci prenderemo cura degli altri e del pianeta. Per questo abbiamo inaugurato il decennio della cura. Dobbiamo sviluppare una mentalità e una cultura, una economia e una politica del prendersi cura.
Leggi i messaggi alla Marcia

IL PAPA

Francesco
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Sergio Mattarella
IL PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO
David Sassoli
IL CUSTODE DEL SACRO CONVENTO
fra Marco Moroni

Ultime news